Chi siamo
Chi siamo La formazione specialistica Il modello Gestaltico Integrato SiPGI La Gestalt Integrare Modelli Dimensioni Neuroscientifiche del modello Qualche cenno di storia
Iscrizioni
Iscrizioni Pre-Training Costi Benefit
Percorso formativo
Percorso formativo Gli assi Primo biennio Secondo biennio Una formazione intensiva Ordinamenti Full-Time Verifica del processo di apprendimento
Attività scientifica
Attività scientifica Phenomena HUB Il lavoro scientifico
Editoria
Editoria Prof. Francesco Mercadante, direttore editoriale Dott.ssa Elena Gigante, Resp. e Membro Comitato Scientifico Prof. Raffaele Sperandeo, Membro Comitato Scientifico
Storie SiPGI News Contatti
Contatti Torre Annunziata Trapani
Oggi incontro..
Oggi incontro.. Davide Di Sarno
Oggi incontro.. Davide Di Sarno
Stanzione
Roberta Stanzione
24/11/2022

Oggi incontro.. Davide Di Sarno

di ROBERTA STANZIONE

 

Ciao mi chiamo Roberta e sono un'allieva iscritta al secondo anno della SiPGI. "Oggi incontro.. " è il nome della mia raccolta per la sezione "Storie SiPGI" che nasce dal mio desiderio di incontrare umanamente i docenti, i didatti e i tutor e di conoscere i retroscena della scelta di formarsi in Psicoterapia Gestaltica Integrata. Spero che condividerete con me la curiosità di incontrare le varie parti che compongono oggi la mia scuola di formazione, la SiPGI.


Oggi incontro.. Alfonso Davide Di Sarno, psicologo psicoterapeuta ad orientamento Gestaltico Integrato. Si occupa principalmente di psicodiagnosi e terapia in età evolutiva. Tra le sue principali aree di interesse ci sono la play therapy, la psicotraumatologia e i processi di apprendimento 

Come hai conosciuto la Gestalt?
La prima volta che ho sentito la fantomatica parola Gestalt, fu in una conversazione all'universita che mi colpì molto "E cosa fanno questi della Gestalt?" "Ti distruggono e ti rifanno daccapo" .
Una frase definitiva, effettivamente esagerata, ma mi incuriosì molto e iniziai a cercare di cosa si trattasse e scoprii il terzo polo oltre alla classica divisione tra psicoanalisi e cognitivismo, scoprii che oltre ad essere una forma di terapia era un vero e proprio movimento culturale in cui mi sono rivisto e a cui sentivo di poter aderire. Pochi giorni dopo, perché l'universo ha i suoi modi per indicarti la strada dove andare, il Prof Sperandeo venne a parlare all'università.
Era un approccio completamente diverso ma estremamente familiare per me, non puntava semplicemente a farti capire come fossero fatti i "malati" ma mostrava le persone nella loro ricca complessità e descriveva la terapia innanzitutto come un incontro tra due esseri umani.. ma soprattutto non aveva paura di mettere in discussione verità ritenute assolute, per aprire al dialogo, a diverse possibilità e mondi possibili.Quel giorno all'università In aula una voce di studentessa domandò:

"Professore ma non ha ancora parlato dell'inconscio"

"L'inconscio non esiste" disse lasciando tutti senza fiato, prima di iniziare a spiegare quell affermazione

Ridacchiando segnai al lato del foglio: 
Gestalt. SIPGI. Cercare

La tua storia in SiPGI?

La mia storia con la Sipgi quindi è iniziata prima ancora di mettere piede nella SIPGI, dopo l'università, come tanti prima e dopo di me, non avevo le idee chiare su cosa fare, e, sempre perché l'universo ha un suo modo, una amica psicologa mi invitò ad un seminario e da quel momento, la Sipgi ha fatto parte della mia vita a vari livelli.
L'approccio esperienziale, il legare ogni frammento di teoria alla pratica, l'approccio centrato sulla persona e sulle dinamiche che si creano nella stanza di terapia mi hanno avvicinato a un modello in cui ogni elemento poteva essere accolto e integrato, ogni esperienza aveva ragione di esistere e poteva essere intessuto in una modalità di lavoro personale e condivisibile. 
Durante i miei anni di formazione ho vissuto diverse esperienze lavorative, dell'occuparmi di formazione al lavoro nell'ambito della disabilità ed in ognuno di questi ambienti la forma mentis che ho appreso in questi anni di formazione nella SiPGI mi ha accompagnato e agevolato nei passaggi da un ruolo all'altro. È stata un'esperienza prima umana e poi didattica, che tutt'ora continua.

 

Grazie Davide..

 

Se ti è piaciuta questa storia non perderti il prossimo incontro. 

A presto!

Share Twitter Facebook

Stanzione

Roberta Stanzione

Sede legale Via Lepanto 132, 80045 Pompei (NA)

Sede Campania Via Vittorio Veneto, 240, 80058 Torre Annunziata (NA)
081 536 4876

Sede Sicilia Via Abruzzo, 6, 91100 Trapani (TP)
09231961869