Chi siamo
Chi siamo La formazione specialistica Il modello Gestaltico Integrato SiPGI La Gestalt Integrare Modelli Dimensioni Neuroscientifiche del modello Qualche cenno di storia
Iscrizioni
Iscrizioni Pre-Training Costi Benefit
Percorso formativo
Percorso formativo Primo biennio Secondo biennio Una formazione intensiva Ordinamenti Full-Time Gli assi Verifica del processo di apprendimento
Attività scientifica
Attività scientifica Phenomena HUB Il lavoro scientifico
Storie SiPGI News Contatti
Contatti Torre Annunziata Trapani
Chi siamo

La SiPGI è una scuola ad indirizzo Gestaltico Integrato riconosciuta dal MIUR dal 2007 con tre sedi a Torre Annunziata, Trapani e Genova (sede in trasferimento). La formazione in psicoterapia integrata proposta dalla SiPGI coniuga tre capisaldi del modello umanistico ovvero la Psicoterapia della Gestalt e l'Approccio Centrato sulla Persona e l’analisi transazionale all’interno di una solida cornice psicopatologica e neuroscientifica. Durante il percorso quadriennale, vengono trattati i principali metodi terapeutici di derivazione sistemico relazionale e cognitivo-comportamentale. In tal modo lo specializzando potrà padroneggiare un ampio pattern di metodi epistemologicamente compatibili con l’approccio della gestalt che gli consentiranno di ritagliare l’intervento a misura dell'utente e delle sue necessità cliniche.

La formazione specialistica

Il percorso formativo prevede la partecipazione ad attività: di didattica teorica sugli aspetti generali della psicoterapia e sul modello gestaltico, di addestramento pratico, di gruppi di formazione, di supervisione di gruppo e individuale, di metodologia della ricerca, attività integrative, seminari/workshop relazionali e di pratica clinica sul campo. Al termine del primo biennio l’allievo padroneggerà le conoscenze e competenze di base per la pratica psicoterapica in linea con i criteri proposti dalla Federazione Italiana delle Associazioni di Psicoterapia (FIAP): capacità di avviare la professione indipendente e di lavorare in team, gestione del processo terapeutico col paziente, gestione dei momenti di impasse, dei momenti critici e delle emergenze in psicoterapia. Al termine del percorso quadriennale l’allievo padroneggerà il metodo terapeutico della gestalt integrata e saprà applicarlo nelle specifiche sindromi cliniche e nei contesti istituzionali utilizzando nella propria pratica clinica le più attuali evoluzioni della ricerca scientifica.

Il modello Gestaltico Integrato SiPGI

L’approccio della Gestalt ha come focus il potenziamento della capacità dell’utente di riconoscere ed autoregolare i processi affettivi ed emotivi nel "qui ed ora". La consapevolezza dei processi emotivi viene acquisita con maggiore efficacia se il setting terapeutico è caratterizzato dall’accoglienza empatica e comprensiva tipica dell’approccio “Centrato Sulla Persona” col quale, la Gestalt, condividendo l’origine epistemologica, naturalmente si integra (O'Leary,1997).

La Gestalt

Esercita ed utilizza l'osservazione fenomenologica dell'incontro tra paziente e terapeuta, evitando preconcetti, giudizi ed interpretazioni e concentrandosi sul “qui ed ora” della relazione. È supportata e nutrita da un'essenziale fiducia nell'essere umano e nelle sue autonome capacità di crescita, maturazione e sviluppo. La focalizzazione sulle emozioni la collega strettamente alla visione attuale dei sistemi emozionali-motivazionali descritti dalle neuroscienze affettive e ritenuti centrali nell’organizzazione dei comportamenti normali e patologici. Nell’alveo di questo complesso metodo terapeutico di derivazione fenomenologico-esistenziale, il nostro modello integra una gamma di tecniche provenienti da differenti approcci che ne completano la dotazione e ne aumentano l’efficacia. L'obiettivo della formazione è fornire al terapeuta un bagaglio di strumenti ed una metodologia dell’integrazione finalizzati a ritagliare l’intervento a misura del paziente.

La Gestalt
Integrare Modelli

L'integrazione del modello della Gestalt (Fritz Perls) con la Psicoterapia Centrata sulla Persona (Carl Rogers) e l'Analisi Transazionale (Eric Berne) implica lo sviluppo per il terapeuta di una visione della cura e di un approccio al paziente fluido, aperto ed in continuo divenire. L'operatività dell’integrazione implica la contestualizzazione diacronica delle varie tecniche di intervento nel rispetto dell'individualità umana e delle specificità cliniche del paziente. Le diverse tecniche offerte si profilano come strumenti da utilizzare a seconda della loro efficacia clinica e della peculiarità del momento terapeutico, all'interno del campo della specifica relazione diadica terapeuta/paziente.

Dimensioni Neuroscientifiche del modello

Lo studio dei sistemi emozionali-motivazionali, focus centrale delle neuroscienze affettive è stato articolato dai modelli cognitivo-comportamentali, dinamici, umanistici, con notevoli differenze all'interno dei diversi costrutti epistemologici. L’approccio della Gestalt ha individuato tre principi essenziali:

  • L’esperienza emotiva è centrale nella determinazione delle risposte dell’individuo all’ambiente e, attraverso processi psichici e organici, determina la percezione degli stimoli, le reazioni fisiologiche, la valutazione cognitiva e in modo retroattivo, riorganizza la reazione emotiva stessa;
  • Le emozioni sono quindi gli organizzatori fondamentali del comportamento e dei sistemi di significato dell’individuo e costituiscono i processi fondanti delle relazioni sociali;
  • La consapevolezza e l’espressione delle emozioni sono centrali nelle relazioni psicoterapeutiche e nei processi di cambiamento.
Qualche cenno di storia

Orientarsi è essenziale e per agevolarci usiamo domande di processo "Chi sono? Chi sei? Cosa sento? Cosa voglio? Dove voglio andare? Come farlo?"
Importante è anche essere chiari "da dove vengo, cosa porto con me, cosa voglio lasciare"
Nel qui e ora manifesto me con la mia intera storia, chi sono stato, come sono stato amato, cosa ho amato, cosa voglio mantenere e/o modificare nel mio co ntinuo divenire. 
Le origini sono nel qui e ora ed è essenziale per vivere pienamente riconoscerle e onorarle.
Quindi Chi siamo? E da dove proveniamo? 

La SiPGI nasce dallo scambio di idee e dalle riflessioni di quattro amici che dal 1997-8, condividendo una formazione umanistica e una visione di sviluppo dell'essere umano, si attivano per lo sviluppo della comunità nelle regioni di appartenenza.

In quegli anni noi, Elena, Raffaele, Patrizia e Pina, cresciamo e riceviamo stimoli al modello della integrazione  all'interno della scuola ASPIC di Roma che ci nutre e agevola nel divenire associati per  il benessere individuale e della comunità. 
In Campania, in Sicilia e in Liguria diveniamo quindi riferimento per  operatori di aree educativa, sociale e clinica, interessati a formarsi sul sapere-saper fare e essere con metodologia teorico esperienziale umanistica e integrata. 
La forte motivazione e la ricerca continua connessa alla clinica, ci hanno portato negli anni a ulteriori integrazioni teoriche e applicative e al desiderio di trasmettere le metodologie in essere a un target di destinatari specifici, psicologi e medici per l'utilizzo psicoterapeutico. 
Questa spinta ci  ha portato a una uscita dalla casa madre, un cambio di nome da sedi affiliate ASPIC a SiPGI, scuola a indirizzo gestaltico integrato.
È una storia di ricchi incontri umani, fatti di autenticità, scelte, separazioni, re-incontri... 
Mentre salda restava la matrice comune di ciò che avevamo esperito da allievi e pazienti e la gratitudine e l'appartenenza, l'evoluzione personale e professionale ci portava a nuove forme... 
Noi, fedeli al "sostenere l'eccitazione e l'accrescimento della personalità umana", iniziammo un nuovo tragitto che forgiasse i nuovi programmi alla scientificità, alla revisione , alla ricerca nella clinica.
Nel 2007 la SiPGI ottiene il primo riconoscimento ministeriale, a cui seguono i D. M del 2012 e 2018 per le sedi della scuola in psicoterapia gestaltica integrata di Genova, Torre Annunziata e Trapani. 

Le origini, dicevamo, sono importanti e nel nostro QUI E ORA esse sono rispettate in un misto di antico e nuovo per esempio il clima affettivo, il senso di appartenenza è percepito subito sin dai primi passi in SiPGI dove molti tutor, docenti sono parte della storia della scuola essendo stati essi stessi allievi di formazione alla relazione di aiuto, della stessa scuola in psicoterapia, dei corsi per formatori e didatti. 
Chi siamo oggi? 
Negli anni ognuno di noi ha fatto ulteriori scelte per essere sempre più congruente a sé, ad oggi del gruppo originario dei 4 amici che conversavano, sognavano e progettavano siamo rimasti attivi in SiPGi  : Raffaele attuale direttore della scuola dopo la cara Patrizia Bonvissuto, Giuseppina Daniele(detta affettuosamente Pina) e Elena Gigante. 
Ogni sede ha  un gruppo didatti condiviso e gruppo didatti docenti e tutor "storicamente" della sede. 
La condivisione tra le sedi non è solo burocratico didattica ma di affetti e sani attaccamenti che dal nostro reciproco affetto e stima si dirama in rapporti tra gli allievi e ex allievi , agevolato da maratone didattiche terapeutiche intersedi prima e dai network di professionisti SiPGI post specializzazione per aggiornamento, ricerca, supervisione e evoluzione continua.

 

Dott.ssa Elena Gigante

Qualche cenno di storia
News e Eventi

Sede legale Via Lepanto 132, 80045 Pompei (NA)

Sede Campania Via Vittorio Veneto, 240, 80058 Torre Annunziata (NA)
081 536 4876

Sede Sicilia Via Abruzzo, 6, 91100 Trapani (TP)
09231961869